Loading...
Home / Non categorizzato / Tone of Voice

Tra le molte possibilità di differenziarsi dalla concorrenza in termini di contenuti sui social media, spesso si trascura il proprio tone of voice o la propria brand voice. Il desiderio della comunità è abbastanza chiaro: non vuole semplicemente che le si parli in maniera neutra, ma è alla ricerca di una comunicazione autentica.

Per poter definire il proprio tone of voice, è utile iniziare analizzando il proprio marchio sotto questi quattro punti di vista:

Persona/personaggio
Come si presenta all’orecchio il vostro marchio? Immaginate che il vostro marchio sia una persona o un personaggio e individuate le specifiche caratteristiche che potrebbero essere adatte alla sua voce.

Tono
Che stato d’animo trasmette il vostro marchio?

Linguaggio
Che tipo di parole avete usato finora nelle vostre conversazioni sui social media?

Scopo
Qual è il motivo fondamentale della presenza del vostro marchio sui social media?

Queste quattro aree possono aiutare a rendere tangibile la «voce generica» del vostro marchio.

Per affinare ulteriormente il vostro tone of voice, è utile capire quali sono le aspettative dei vostri clienti. I clienti non vogliono solo qualcosa di cui parlare, vogliono qualcuno con cui parlare. In altre parole: date un volto al vostro marchio e lasciate trasparire una vera personalità, perché i clienti vogliono creare un legame, non si accontentano di semplici informazioni.

Può essere utile pensare ai social media come a un grande cocktail party: il paragone offre spunti di riflessione interessanti anche per quanto riguarda il tone of voice. A un cocktail party, non vi presentereste agli altri ospiti con queste parole: «Ehi, mi chiamo XY e i miei prezzi sono estremamente bassi.» Probabilmente fareste domande, ascoltereste, raccontereste storie e costruireste le conversazioni sull’interazione con gli altri. Chi riesce, almeno in parte, a basarsi sulle comuni regole di conversazione anche nella propria comunicazione con la comunità apporta un altro importante contributo alla definizione del proprio tone of voice.

Inoltre è valido il principio che se si è alla ricerca del proprio tone of voice, bisogna concentrarsi sugli aggettivi. Una volta trovati gli aggettivi che meglio descrivono il proprio marchio, si è in grado di definire il proprio tone of voice. Esistono alcuni metodi per individuare gli aggettivi appropriati. Qui di seguito ve ne presentiamo alcuni.

 

Fatevi le domande giuste

Se il vostro marchio fosse una persona, che personalità avrebbe?

Come si rapporterebbe il vostro marchio ai vostri clienti? (Amico, insegnante, padre…)

Elencate aggettivi che NON descrivono la personalità della vostra azienda.

Ci sono altre aziende che incarnano una personalità simile? Perché queste aziende sono simili alla vostra?

In che modo i clienti dovrebbero pensare alla vostra azienda?

 

Fate domande alle persone giuste

È possibile rispondere al questionario da soli o con il proprio team. Probabilmente ogni persona o gruppo intervistato avrà il proprio punto di vista. Questa non è mai una cosa negativa, perché offre nuove prospettive e consente di lavorare su una differenziazione più chiara.

Con i clienti potete addirittura fare un ulteriore passo avanti e utilizzare le loro interazioni sui social media per scoprire il tone of voice percepito per il vostro marchio:

Con quale «tono» comunicano tra loro i vostri clienti?

Come comunicano con le altre aziende?

Quali messaggi/post condividono più spesso?

Quali altre aziende/marchi seguono?

Per costruire il proprio tone of voice, è utile creare modelli per i singoli tipi di contenuto/canali:

Tipo di contenuto: cosa scrivete?
Lettore: a chi volete rivolgervi?
Emozione: cosa prova il lettore? In quale ambiente si muove?
Tono: usate aggettivi che descrivono la tonalità dei vostri contenuti.
Esempio: presentate un testo di esempio che dimostri come dovrebbe suonare il contenuto.
Consigli: spiegate le tecniche migliori per creare questo tipo di contenuti.

In pratica, potrebbe essere qualcosa di questo genere:

Tipo di contenuto: tweet
Lettore: potenziale cliente
Emozione: il cliente desidera ricevere rapidamente contenuti e informazioni interessanti.
Tono: utile, informativo, chiaro, accessibile
Esempio: «Lo sapevate? La giornata lavorativa di 8 ore è stata inventata per far sì che le persone lavorino meno. Vi raccontiamo come è successo.»
Consigli: usate le domande. Non siate autoritari. Invitate a sperimentare e scoprire cose nuove.

Speriamo che i nostri consigli abbiano contribuito a farvi iniziare a scoprire il vostro tone of voice. Saremo lieti di supportarvi nel suo ulteriore sviluppo, soprattutto se il vostro tone of voice deve essere tradotto in altre lingue.